La Storia Epica del Bull Di Wall Street

Di Lucas CompanTraduzione in Italiano Agostina Cois

 

Era uno dei mesi più freddi mai registrati. Era una mattina molto buia. 15 dicembre 1989 alle 1:00, la data e
l'ora in cui una enorme scultura in bronzo da 7,100 lb. (3200 kg) - creata da Arturo Di Modica e dai suoi
amici - fu installata davanti alla Borsa di New York. Stavano facendo qualcosa di illegale, però.

Dico alla gente: il toro non sta combattendo: rappresenta un’economia più forte e di conseguenza unmondo migliore per i giovani in futuro.
— Arturo Di Modica, scultore italiano del famoso Charging Bull (A.K.A. Wall Street Bull) o Toro di Wall Street

Arturo Di Modica, lo scultore italo-americano concepì per la prima volta il Toro di Wall Street come un modo per celebrare lo spirito del Si può fare dell’America, e in particolare New York, dove persone provenienti da tutto il mondo potevano venire indipendentemente dalla loro origine o dalle circostanze, e attraverso determinazione e duro lavoro, superare ogni ostacolo per avere successo. È questo il simbolo della virilità e del coraggio che Arturo ha visto come l'antidoto perfetto allo crollo di Wall Street del 1987.

 

ARTURO DI MODICA (IMAGE: CHARGINGBULL.COM)

 

Arturo è nato in Sicilia, Italia nel 1941, e si trasferì a Firenze nel 1960 dove aprì il suo primo studio. Nel 1973
l'artista si trasferì a New York e affittò uno studio a SoHo in Grand Street. In seguito costruì il suo studio in 54 Crosby Street nel quartiere Soho di Manhattan. È stata la sua opera di scultura più ambiziosa e massiccia fino ad oggi, così grande che il Toro è stato fuso in pezzi di bronzo separati e poi faticosamente saldati insieme e rifiniti a mano. Una volta completato, alla fine del 1989, pesava più di tre tonnellate e mezzo e misurava 18 piedi di lunghezza (5,5 metri).

THE ITALIAN SCULPTOR CREATOR OF THE CHARGING BULL (IMAGE:  JB NICHOLAS)

Il Toro di Wall Street è stato il terzo - e finalmente riuscito - tentativo dell'artista di installare le sue statue sulle strade di New York senza permesso. Nel 1977 lasciò diverse statue di marmo davanti al Rockefeller Center. La seconda volta, nel febbraio del 1986, mise un grosso cavallo di bronzo davanti al Lincoln Center. "Era un regalo di San Valentino per tutte le persone di New York innamorate," disse. Nel 1999, Arturo Di Modica venne selezionato per uno dei più prestigiosi premi annuali assegnati negli Stati Uniti: la Medal of Honor di Ellis Island.

 

Lo scultore spese 360.000 $ dei propri soldi, e oltre due anni di lavoro, per creare e saldare i pezzi finali del
toro lucido e dall'aspetto potente. Fu progettato per essere un regalo di Natale per la città.

L’ installazione del toro a Wall Street doveva essere fatta quando la polizia non c'era. Per posizionare la
scultura in un'area pubblica, aveva bisogno di un permesso. Dal momento che non aveva un permesso,
l'installazione sarebbe stata considerata illegale.

Il 14 dicembre 1989, Arturo visitò il luogo e controllò gli intervalli di tempo dei passaggi della pattuglia della
polizia. Aveva poco più di quattro minuti per lasciare due anni e mezzo del suo lavoro. Quando l'artista e il suo gruppo arrivarono in quella fredda e oscura mattina del 15 dicembre, videro un albero di Natale installato sul luogo che avevano scelto per il toro.

Quindi, decisero di posizionare la statua sulla linea centrale gialla di Broad Street, al di fuori della Borsa, di
fronte a Wall Street proprio sotto l'albero. Quello sarebbe il posto perfetto, dal momento che il piano
originale era lasciare il toro come regalo di Natale a New York.

 

Lo scultore italo-americano (nato e cresciuto in Sicilia) concepì per la prima volta il toro come un modo per
celebrare lo spirito del si può fare dell'America - e in particolare New York, dove persone provenienti da
tutto il mondo potevano venire indipendentemente dalla loro origine o dalle circostanze e attraverso la
determinazione e il duro lavoro superare ogni ostacolo per avere successo.

 

Il giorno dopo la notizia del Charging Bull si diffuse in tutto il mondo, e un'enorme folla di spettatori e media entusiasti circondava la misteriosa scultura dove che nessuno sapeva d provenisse.

The New York Post del mattino seguente mostrò una foto del toro che veniva portato via, dicendo: "Bah,
Humbug!"
N.Y. I guastafeste della Borsa non riescono a sopportare il toro come regalo di Natale."

 

NEW YORK POST'S DECEMBER 16, 1989 ISSUE

 

The New York Times:

"La luce del giorno ha portato folle e in centinaia si sono fermati ad ammirare e ad esaminare il toro, che è
stato installato sotto i rami di un albero di Natale di 60 piedi, anch'esso sistemato nel centro di Broad
Street."; Di Modica distribuì copie di "The Bull"; "un paean-in- a-flier”: “un canto di vittoria” in un volantino per il suo lavoro.

Funzionari della sicurezza della Borsa chiamarono la polizia. "In effetti, ci hanno detto che lì c'era una statua
molto grande di un toro, e che non era lì ieri, e per quanto ne sapevano non doveva essere lì," disse
l'ufficiale Joseph Gallagher, un portavoce della polizia.

 

The new york times

 

I dirigenti della Borsa di New York non erano così divertiti. Forse scambiando il toro con una specie di
cavallo di Troia. Sebbene non ci fossero soldati ateniesi in agguato, pronti a saltare e lanciare i Maestri
dell'Universo, pareva che il presidente del NYSE Richard Grasso non volesse cogliere le sue occasioni,
ricorda Di Modica.

Furono chiamati i poliziotti e, quando si dimostrarono riluttanti o mal equipaggiati per condurre un toro di
18 piedi fuori città, la Borsa assunse appaltatori privati per rimuoverlo. La bestia fu trasportata nel Queens.

Un uomo d'affari di Lower Manhattan, Arthur Piccolo della Bowling Green Association, lesse l'articolo sul
trasferimento. Trovò il signor Di Modica nella rubrica. Parlarono e si incontrarono più tardi quel sabato per
esaminare lo spazio di Bowling Green Park, a pochi isolati dal NYSE, come futura casa del toro.

In seguito il signor Piccolo, si rivolse a Henry Stern, il commissario del NY Parks, che a sua volta contattò
l'allora sindaco di New York, Edward Koch. Il sindaco Koch disse SÌ immediatamente.

Il NYSE rifiutò di rilasciare il toro dal deposito fino a quando l'artista Arturo Di Modica avesse pagato tutti i costi di deposito e le spese per rimuovere il toro.

 

Di Modica e il suo team di artisti lavorano nel suo studio

 

Il commissario di New York Parks, Henry Stern, organizzò il ritorno del "Charging Bull" a Bowling Green la mattina del 20 dicembre 1989. "Charging Bull" è diventato un fenomeno immediato che attira grandi folle, giorno dopo giorno.

Di Modica era deciso a riportarlo a Manhattan. Così parlò con Richard Grasso, allora presidente e chief
operating officer al NYSE, il quale disse che il toro poteva tornare solo se fosse stato realizzato un orso da
mettere seduto al suo fianco.

"Voleva che io realizzassi anche un orso," disse l'artista.

"Gli ho detto che non lo avrei fatto - l'orso significa che il mercato va giù, ma io volevo rappresentare la
città che diventa più grande, più forte, più veloce,"
dice Di Modica.

Di Modica pagò il toro per poterlo riportare a Manhattan.

Il suo sito web afferma: "Grazie all'allora Commissario dei parchi Henry Stern, al sindaco Ed Koch e Arturo
Piccolo della Bowling Green Association, è stata trovata una sede permanente per il toro vicino a Bowling
Green, Il Toro di Wall Street è lì fino ad oggi, visitato da milioni di turisti, un talismano per i commercianti di Wall Street, e motivo di orgoglio per tutti i residenti di New York City."

 
Ho detto a Richard Grasso che non avrei fatto un orso - l’orso significa che il mercato va giù, ma il toro rappresenta la città che diventa più grande, più forte, più veloce.
— Arturo Di Modica
 

THE WOLF OF WALL STREET IS A 2013 AMERICAN BIOGRAPHICAL BLACK COMEDY CRIME FILM DIRECTED BY MARTIN SCORSESE AND WRITTEN BY TERENCE WINTER, BASED ON THE MEMOIR OF THE SAME NAME BY JORDAN BELFORT. (IMAGE: COURTESY: PARAMOUNT PICTURES)

 

La scultura è presente in questi film: "For Richer of Poorer" (1997), "Hitch" (2005), "Inside Man" (2006), "The Other Guys" (2010), "The Sorcerer's Apprentice" (2010) , "Arthur" (2011) e "The Wall Street Wolf" (2013). Appare anche nelle serie TV "My Life as Liz" e "Weeds".

 
Le persone per le strade di New York dicono che devi sfregare il naso, le corna e i testicoli del toro per avere fortuna.
— Agostina Cois, fondatrice della Piccola New Yorker Special Tours
 

Ora attrae turisti che posano per fotografie e investitori che sfregano superstiziosamente le corna per buona fortuna. Il toro ora è visto come una mascotte simbolica per i newyorkesi e per il mondo.

"La gente per le strade di New York dice che bisogna sfregarsi il naso, le corna ei testicoli del toro per buona fortuna," Agostina Cois, la personal planner di viaggio personale di Piccola New Yorker Special Tours, direbbe al gruppo di turisti italiani di Roma, che vorrebbe accontentarsi.

 

La Piccola Agostina i il bull

LE PERSONE NELLE STRADE DI NEW YORK DICONO CHE BISOGNA SFREGARE IL NASO, LE CORNA E I TESTICOLI DEL TORO COME PORTA FORTUNA. MA COME PUOI VEDERE, ALCUNE PERSONE LO
PRENDONO TROPPO SERIO :-D

 
Non era legale, ma non sto uccidendo nessuno o derubando una banca. Sto dando il mio amore alla gente. Dò loro più felicità.
— Di Modica
 

IMAGE: CORTESY OF URBANSKETCHERS.ORG, AN ALL-VOLUNTEER NONPROFIT DEDICATED TO FOSTERING A GLOBAL COMMUNITY OF ARTISTS WHO PRACTICE ON-LOCATION DRAWING. THEIR MISSION IS TO RAISE THE ARTISTIC, STORYTELLING AND EDUCATIONAL VALUE OF ON-LOCATION DRAWING, PROMOTING ITS PRACTICE AND CONNECTING PEOPLE AROUND THE WORLD WHO DRAW ON LOCATION WHERE THEY LIVE AND TRAVEL.

 

Ballstreet

UN BREVE FILM BASATO SULL’ OSSERVAZIONE DEL TURISTA ALLA STATUA DEL TORO A MANHATTAN. RINGRAZIAMENTI SPECIALI ALL'ALLEANZA DI NEW YORK CITY, LA CITTÀ DI NEW YORK,I SUOI ABITANTI E I SUOI VISITATORI. PRODOTTO ALLA NEW YORK FILM ACADEMY COME PARTECIPAZIONE NEL FEBBRAIO 2015, AL WORKSHOP DI 6 SETTIMANE DI DOCUMENTARI. © 2015 DANIEL BAÑUELOS

 

Grazie all'allora Commissario dei parchi Henry Stern, al sindaco Ed Koch e Arturo Piccolo della Bowling
Green Association, è stata trovata una sede permanente per il toro di Wall Sreet vicino a Bowling Green. Il
Toro è lì fino ad oggi, visitato da milioni di turisti, un talismano per i commercianti di Wall Street, e motivo
di orgoglio per tutti i residenti di New York City

 

Al Bowling Green, il toro è rimasto per 27 anni, attraverso i tempi di rialzo e di ribasso. Ha assistito alla caduta della criminalità, all'aumento dei prezzi immobiliari e all'elezione di un sindaco miliardario. Ha anche resistito con il busto, a due attacchi terroristici, Sept. 11 lo lasciarono coperto da uno spesso strato di fuliggine, il peggiore collasso economico dalla Grande Depressione. È stato anche temporaneamente barricato per proteggerlo da Occupy Wall Street nel 2011.

Arturo Di Modica ha probabilmente recuperato le spese di costruzione del toro più volte negli ultimi 27 anni, avendo lanciato gemelli per le città di tutto il mondo (Shanghai, 2010, Amsterdam, 2012, Abu Dhabi, 2013, Stamford, 2015, Dubai, 2016), e avendo venduto molte versioni minori ai collezionisti. C'è anche una versione più piccola e in argento del toro che si trova fuori dal ristorante Abu Dhabi del suo amico Giuseppe Cipriani, Cipriani Yas Island.

I Cipriani sono collezionisti di opere d'arte di Arturo, e l'artista ha progettato persino due dei loro ristoranti: Cipriani Dolci al Grand Central Terminal e Cipriani Downtown, entrambi a New York City.

 
 

Ogni volta che il mercato non funziona, la gente lo ferma per le strade e chiede:

- "Perché il toro non funziona?", Ha detto

- "Il toro sta riposando, è stanco, ma ci tornerà presto", risponde Di Modica

 

Ironia della sorte, il toro che una volta era considerato un'installazione illegale, ora è ufficialmente protetto dal governo. Guarda la storia:

 

Clicca sull'immagine per vedere la webcam live streaming

 Clicca sull'immagine per vedere la  webcam live streaming

Clicca sull'immagine per vedere la webcam live streaming

 

Trova la strada per Bull